Dormire vicino l'Etna - Vulcano attivo più alto d'Europa

Il Centro Benessere Acquaplanet offre camere spaziose e comode dove soggiornare nei pressi dei versanti dell'Etna e dei paesi etnei. Ci troviamo a Paternò, alle pendici dell'Etna, a soli 30 km dal Rifugio Sapienza (versante Sud), raggiungibile anche con i mezzi pubblici AST. Presso lo stesso Rifugio Sapienza è possibile prendere parte ad escursioni, trekking e altre attività all'aperto lungo i sentieri del vulcano o verso i crateri sommitali e, nei mesi invernali, sciare lungo gli impianti sciistici attrezzati. Con i suoi 3340 metri, l'Etna è il vulcano attivo più alto d'Europa e, tra paesaggi lunari e natura selvaggia, per molti giorni all'anno è possibile ammirare gli spettacoli di fuoco e lava.
foto di Alfio Garozzo

foto di Alfio Garozzo


A 60 km di distanza si raggiunge Linguaglossa, versante Nord dell'Etna, dove poter visitare i fitti boschi etnei, praticare arrampicata sulle pareti del vulcano e visitare i crateri teatro delle più recenti eruzioni. Uno dei posti più belli da visitare sull'Etna è la Valle del Bove, una grande concavità di circa 37 chilometri quadrati originatesi oltre 64.000 anni fa e raggiungibile da diversi sentieri: consigliati la Schiena dell'Asino o il sentiero di Piano del Vescovo e Rocca degli Zappini, percorrendo questi sentieri, ricchi di natura aspra e rigogliosa, si può ammirare uno spettacolo naturale assoluto e panorami che lasciano lo spettatore quasi attonito ad ammirarne l'immensità. etna Interessante potrebbe essere avventurarsi dentro le viscere del vulcano, dentro le numerose grotte o gallerie di scorrimento lavico presenti sull'Etna: preferibilmente accompagnati da guide esperti e muniti di caschetto e attrezzatura da speleologo, si possono visitare, ad esempio, la Grotta del Gelo (con all'interno del ghiaccio perenne, considerato il ghiacciaio più a Sud d'Europa), la Grotta di Serracozzo (affascinante con la sua stretta apertura ma facile da raggiungere), o la Grotta dei Ladroni (la più turistica, raggiungibile lungo la strada che da Fornazzo arriva al rifugio Citelli).